NEGOZIAZIONE DIDATTICA - Sabato 15 ottobre a Civitavecchia (RM)
NEGOZIAZIONE DIDATTICA - Sabato 15 ottobre a Civitavecchia (RM)
STRATAGEMMI DIDATTICI - Domenica 16 ottobre a Roma e Bologna
STRATAGEMMI DIDATTICI - Domenica 16 ottobre a Roma e Bologna

Qualche riflessione dopo il convegno di Andria su "La Scuola che cambia"

Ad un giorno dall'interessante convegno La Scuola che cambia, frequentato (come relatore e come discente) ad Andria il 22 e 23 settembre, ho voglia di condividere qualche riflessione.

Ringrazio ancora l'entusiasta Dirigente Scolastica Celestina Martinelli che, per il tredicesimo anno consecutivo, ha organizzato e promosso il SETTEMBRE PEDAGOGICO andriese.

 

P.S.: il video si è interrotto proprio sull'ultima mia riflessione... sarà un segno?! ;)


leggi di più 4 Commenti

#1 COME RENDERE INTERESSANTI LE LEZIONI (prima risposta alla nuova rubrica)

Ecco la risposta alla prima domanda della rubrica interattiva "Tu fai le domande... noi diamo le risposte".

 

La domanda di questa settimana è la seguente:

"Come posso rendere le mie lezioni meno noiose e quindi più interessanti?".

 

Buona visione!

 

P.S.: proponi anche tu una domanda, cliccando qui e commentando l'articolo!


leggi di più 2 Commenti

La parola di oggi (fonte: unaparolaalgiorno.it)

Grazie di cuore Giorgio & Massimo per il vostro amore verso la nostra lingua. MetaDidattica è un "erborista" appassionato: vi legge ogni giorno!

Una parola al giorno.it

Andito (gio, 29 set 2016)
àn-di-to Significato: Ambiente di disimpegno, di passaggio; bugigattolo, luogo riposto Etimo: derivato di [andare], forse modellato su [adito], dal latino [aditus], da [adire] 'andare'. Mai sottovalutare le parole che descrivono le stanze: è in ambienti chiusi e locali di edifici che si svolge gran parte della nostra vita, e il loro nome ne schiude l'uso, il colore, l'aria. Come si legge sui dizionari, l'andito è un ambiente di disimpegno o di passaggio. Ci sono altri nomi che descrivono ambienti del genere: l'atrio, l'ingresso, il corridoio. E allora in che cosa si differenzia l'andito? Etimologicamente, si tratta di un derivato di 'andare', il che è perfettamente in linea coi suoi significati attuali. Non è un posto in cui si sta, in cui si passa il tempo - o almeno, non è adatto. Non ha nemmeno l'ufficialità dell'ingresso, né l'ampiezza dell'atrio, le pretese del vestibolo, o il respiro del corridoio. È più asfittico, e ci si passa in fretta, ma ha un certo calore ctonio. Anche per questo si è prestato a un'estensione di significato nel senso di bugigattolo, stanzino, luogo riposto: durante la perquisizione i carabinieri frugano in ogni andito, ci si arrende all'idea di aver perso una vecchia lettera irrimediabilmente nascosta in chissà quale andito, e a primavera si fa una pulizia approfondita di tutti gli anditi della casa. In effetti, l'andito ha una dimensione domestica: si trova soprattutto nelle abitazioni, e anche quando lo troviamo in locali e ristoranti mantiene quel connotato che alla poca aria lega una certa intimità. È da notare che questo termine è usato con diversa frequenza a seconda della regione. Ad esempio, ci dicono che in Sardegna sia una parola molto usata. Ma, ricordiamo, i sinonimi perfetti non esistono.
>> leggi di più