Come impostare una buona relazione educativa: la posizione one-down

Come Insegnanti, Genitori o Responsabili, siamo chiamati a guidare, promuovendo al contempo l'autonomia e la crescita della/e persona/e di cui ci occupiamo.

Un compito apparentemente paradossale, ma arrivano in nostro soccorso gli strumenti sviluppati dal coaching: una consulenza di processo che accompagna lo sblocco, il sostegno e lo sviluppo delle performance del coachee (chi riceve il servizio di coaching).

 

Ti invito perciò a leggere l'articolo che ho scritto per il blog del sito FYM, la società per la quale lavoro come docente e direttore didattico della Scuola di Coaching: clicca qui...

leggi di più 0 Commenti

Schemi, mappe mentali e concettuali: quali sono le differenze?

Fortunatamente sempre più docenti utilizzano supporti grafici e tecnologici alle loro spiegazioni. Ricordiamoci che il ragazzo con Disturbi Specifici dell’Apprendimento il più delle volte apprende meglio integrando i medium di accesso delle informazioni, facendo interagire cioè il campo verbale scritto con quello verbale uditivo, con quello visuale e quello cinestesico (legato al movimento e di tipo esperienziale fisico).

Un corretto utilizzo della LIM può fare davvero la differenza nell’apprendimento di uno studente. Si possono costruire delle “mappe vive”, cioè con collegamenti a video, immagini e testi audio che facilitano lo studio o possono approfondire alcuni argomenti.

Ma qualora non ci fossero queste tecnologie, il docente può comunque preparare degli ausili grafici per l’argomento trattato, ci sono infatti molti software in rete per progettare mappe mentali e concettuali (molti gratuiti).

leggi di più 0 Commenti

Un percorso di Public Speaking con i ragazzi della Scuola Primaria

Cinque incontri di formazione per gli Studenti della maestra Teresa, alla scoperta del Public Speaking.

Scopri in che modo questo genere di attività possono impattare sulla relazione che gli Studenti hanno con sé stessi, con i loro Insegnanti, con i propri compagni e con lo studio.

Setting ludico, attività formative studiate ad hoc e un intenso lavoro sulle competenze.

 

P.S.: un grazie speciale anche a Napoleone, il gatto di Piercarlo che nel bel mezzo del video ha deciso di grattare per qualche minuto l'anta dell'armadio... :P 


leggi di più 1 Commenti