Come creare MAGIA IN CLASSE per coinvolgere gli Studenti

Un video che può ispirare chi, come noi, si occupa di educazione.

Chris Emdin, esperto di didattica e autore del libro Urban Science Education for the Hip-Hop Education, chiama in causa la "magia": creare in classe qualcosa di speciale è l'unico modo per lasciare il segno nelle vite degli Studenti.


Articoli correlati

Scrivi commento

Commenti: 4
  • #1

    Maria Tina Vitello (lunedì, 05 maggio 2014 14:39)

    Una frase che ripeteva spesso la mia prof.ssa di Lettere, Suor Lucia Gliozzo: "Ogni uomo è figlio del suo tempo". Mai come oggi mi è sembrata così vera ascoltando rapita Chris Emdin! I nostri ragazzi oggi sono più che mai figli del loro tempo: grazie alla tv e ai social network vivono esattamente le stesse sensazioni di un coetaneo dall'altra parte del mondo. Non possiamo pertanto imporre i nostri modelli, ciò che ci hanno insegnato perché noi educatori siamo in grado di gestire il 25% della loro formazione. Il resto lo fa la famiglia, la società e la propensione individuale verso qualcosa. MA possiamo credere in loro... che non è poco. Quindi diventa necessario parlare il loro linguaggio per potenziare l'autostima e avvicinarli ai valori sani.

  • #2

    Rosa Iorio (lunedì, 05 maggio 2014 15:37)

    Qualche tempo fa mi sono fermata ad assistere ad un programma scientifico televisivo. Il giornalista è entrato in scena con una scatola rossa e ha iniziato a raccontare una storia, quella di un rappresentante di commercio che all’improvviso , senza alcun apparente motivo, si era trovato a diventare preda di gravi intemperanze che lo portavano ad aggredire fisicamente chiunque fosse alla sua portata. La diagnosi di schizofrenia non fece desistere sua moglie dal desiderio di indagare per conto proprio .Nel tempo, lei osservò che queste manifestazioni avvenivano con scadenze regolari ma ebbe anche modo di rilevare che tali eventi si verificavano appena suo marito era al digiuno .Un giorno, richiudendo coraggiosamente suo marito in una stanza senza farlo mangiare, la signora fece rientrare la crisi offrendo al marito dei cioccolatini e da quel momento fu chiaro il suo problema. A questo punto del racconto, il giornalista ha aperto la scatola. Io avevo ascoltato il racconto rapita dal modo di esporre del giornalista ma anche dalla magia creata dalla scatola rossa: non ho dimenticato nulla.
    Se voglio coinvolgere devo essere coinvolta: come un seme nella terra

  • #3

    Alberto De Panfilis (martedì, 06 maggio 2014 09:25)

    WOW! ...chissà se si riesce a trovare questo video su YouTube... Rosa, vuoi provarci tu che l'hai visto? ;)

  • #4

    Rosa Iorio (martedì, 06 maggio 2014 14:13)

    Certo Alberto!Si tratta della trasmissione "Sesto senso", puntata del 5 aprile scorso.Ecco il link per accedervi:
    http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-0127d28e-9f73-4ff2-989e-9e27163347de.html
    Buona visione!