LEGGI!

Gli articoli, le interviste, i pareri degli esperti e tutto quello che può accompagnarti nella tua "lettura formativa": puoi trarre ispirazione e spunti pratici da ogni riga messa a tua disposizione...

 

Qui in basso trovi le ultime 3 risorse pubblicate, da leggere subito. Se vuoi accedere all'archivio completo, clicca qui.

Cerchi tecniche pratiche? Meglio se con obiettivi di ricerca e di intervento

Fin da quando ho iniziato a lavorare in questo settore, la parola "tecniche" ha contraddistinto i miei studi, le mie attività e i confronti con colleghi e corsisti.

 

In fondo parlare di tecniche seduce, fa sembrare tutto semplice, in una spirale riduzionista che ha sempre destato in me parecchi dubbi. Anch'io ho spesso usato questo termine, inizialmente per attrarre l'attenzione di chi poggiava fugacemente gli occhi su programmi didattici o qui sul blog.

 

Da quando invece ho iniziato ad approfondire l'uso dell'approccio breve strategico del prof. Nardone, che seguo da più di sei anni ormai, il significato che posso attribuire alla parola "tecnica" ha tutto un altro spessore; ciascuno di questi ritrovati strategici, infatti, punta a raggiungere due diverse tipologie di obiettivo: di ricerca e d'intervento.

leggi di più 0 Commenti

Come generare interdipendenza positiva per migliorare le prestazioni degli Studenti

Studiando Psicologia sociale dei gruppi per un esame in università, sono incappato in paragrafo che mi ha dato conferma di quanto pensavo da tempo: in termini di Valutazione Strategica, sarebbe interessante sperimentare una votazione di gruppo/Classe per innescare dinamiche funzionali all'apprendimento.

Vediamo tutti i passaggi che possono condurci ad un'affermazione del genere, cercando di valutare non solo i pro, ma anche i contro di una strategia così particolare.

Per prima cosa è utile partire dal concetto di interdipendenza positiva: questa condizione, riscontrabile in alcuni gruppi, secondo Deutsch [1949] creerebbe una motivazione a cooperare, ad aiutare gli altri e a considerarli piacevoli, una forte spinta del gruppo verso il suo scopo, nonché un aumento della comunicazione e della produttività.

leggi di più 1 Commenti

Buone feste da MetaDidattica!

Per queste feste vogliamo augurarti di trascorrere il tuo tempo al meglio, prendendoti cura delle relazioni importanti, scambiando regali e assaporando ogni attimo. Gioca e sorridi, vivi la magia in ogni cosa, anche la più semplice.

 

Prenditi del tempo per leggere, riposare e ricaricare le batterie: potrai approfittarne per definire i tuoi obiettivi oppure semplicemente "staccare". Trascorri del tempo con i bambini, impara da loro lo stupore e trasmettigli il tuo.

 

Mangia quello che apprezzi e che ti fa stare bene, cammina per smaltire i cenoni e gusta un buon caffè (se ti piace).

 

Insomma, trascorri un buon Natale e un felice anno nuovo!

Alberto e lo staff di MetaDidattica

leggi di più 8 Commenti

Gli ultimi articoli scritti per i "siti amici"

Dida-tech: intervista alle autrici del sito per la didattica innovativa e inclusiva!

Voglio presentarvi Emilia Sansonetti e Simona Restauri, le autrici del neonato sito Dida-Tech: l'ho trovato molto interessante, perché pieno zeppo di proposte innovative, nate dalla passione di due Insegnanti che ogni giorno sperimentano ciò che propongono, con l'obiettivo di offrire una didattica inclusiva.

 

Conosco Emilia dall'A.S. 2012/'13, anno in cui ho avuto il piacere di tenere con MetaDidattica un corso di formazione nella sua Scuola; Simona invece è stata per me una piacevole e nuova conoscenza.

 

Ho voluto intervistarle per presentare il loro nuovo Progetto ai lettori di MetaDidattica: buona lettura!

leggi di più 0 Commenti

Sintonia (e non semplice empatia) nelle relazioni d'aiuto

Nel Coaching, come in qualsiasi relazione d'aiuto, è fondamentale sintonizzarsi con i bisogni, le esigenze e le difficoltà che sta vivendo la persona alla quale vogliamo rivolgere il nostro supporto.

Credere nella necessità di un rapporto empatico può creare una paradossale condizione di ineffecacia: una delle tentate soluzioni più comuni è proprio questa. Si finisce per vivere le stesse sensazioni/emozioni che vive l'altro, smarrendo la via per fornirgli un supporto che gli permetta di superare le sue difficoltà.

Mi fa piacere proporti la lettura dell'articolo che ho scritto per il blog dell'Associazione di categoria A.Co.I. (Associazione Coaching Italia), alla quale sono iscritto come Coach Professionista nell'ambito scolastico e life. Clicca qui per leggere l'articolo...

leggi di più 1 Commenti