LEGGI!

Gli articoli, le interviste, i pareri degli esperti e tutto quello che può accompagnarti nella tua "lettura formativa": puoi trarre ispirazione e spunti pratici da ogni riga messa a tua disposizione...

 

Qui in basso trovi le ultime 3 risorse pubblicate, da leggere subito. Se vuoi accedere all'archivio completo, clicca qui.

Le misure dispensative: le 6 cose da sapere

All’inizio di ogni anno scolastico, entro la fine di novembre, viene stilato il P.D.P. o Piano Didattico Personalizzato secondo le indicazioni della Legge 170 del 2010. All’interno del documento c’è la sezione che riguarda le “misure dispensative” in cui si dice che l’alunno può essere dispensato: dalla lettura ad alta voce, dal prendere appunti, dai tempi standard, dal copiare dalla lavagna, dalla dettatura di testi/appunti, da un eccessivo carico di compiti e dallo studio mnemonico delle tabelline.

 

Approfondiamole insieme...

leggi di più 0 Commenti

La lezione in classe: 5 consigli fondamentali

Tutti noi sappiamo che le lezioni possono essere impegnative e complesse per qualunque studente, per i ragazzi con Disturbo Specifico d’Apprendimento lo sono ancora di più. Dobbiamo ricordarci che la maggior parte degli studenti con DSA hanno difficoltà di attenzione: ma non perché essi non riescano a prestare attenzione a qualcosa, bensì perché prestano attenzione a tantissime cose nello stesso momento. Ogni rumore, ogni voce, ogni movimento dentro la classe è motivo di focalizzazione dell’attenzione. In questo modo capiamo benissimo che più stimoli sensoriali esistono e più è difficile scegliere a quale dare maggiore attenzione e concentrazione.

Per questo gli studenti con DSA appaiono spesso “distratti” o “stanchi”: distratti per il motivo appena detto, stanchi perché prestare energia e attenzione a tutti questi stimoli esaurisce molto prima la loro “batteria”. Ci ricordiamo di quanto fossero stancanti le prime lezioni di guida? Dovevamo prestare attenzione a tante cose simultaneamente, senza averle ancora automatizzate. Ecco, per questi studenti funziona esattamente così... Cosa fare?

leggi di più 0 Commenti

Come impostare una buona relazione educativa: la posizione one-down

Come Insegnanti, Genitori o Responsabili, siamo chiamati a guidare, promuovendo al contempo l'autonomia e la crescita della/e persona/e di cui ci occupiamo.

Un compito apparentemente paradossale, ma arrivano in nostro soccorso gli strumenti sviluppati dal coaching: una consulenza di processo che accompagna lo sblocco, il sostegno e lo sviluppo delle performance del coachee (chi riceve il servizio di coaching).

 

Ti invito perciò a leggere l'articolo che ho scritto per il blog del sito FYM, la società per la quale lavoro come docente e direttore didattico della Scuola di Coaching: clicca qui...

leggi di più 0 Commenti

Gli ultimi articoli scritti per i "siti amici"

Dida-tech: intervista alle autrici del sito per la didattica innovativa e inclusiva!

Voglio presentarvi Emilia Sansonetti e Simona Restauri, le autrici del neonato sito Dida-Tech: l'ho trovato molto interessante, perché pieno zeppo di proposte innovative, nate dalla passione di due Insegnanti che ogni giorno sperimentano ciò che propongono, con l'obiettivo di offrire una didattica inclusiva.

 

Conosco Emilia dall'A.S. 2012/'13, anno in cui ho avuto il piacere di tenere con MetaDidattica un corso di formazione nella sua Scuola; Simona invece è stata per me una piacevole e nuova conoscenza.

 

Ho voluto intervistarle per presentare il loro nuovo Progetto ai lettori di MetaDidattica: buona lettura!

leggi di più 0 Commenti

Sintonia (e non semplice empatia) nelle relazioni d'aiuto

Nel Coaching, come in qualsiasi relazione d'aiuto, è fondamentale sintonizzarsi con i bisogni, le esigenze e le difficoltà che sta vivendo la persona alla quale vogliamo rivolgere il nostro supporto.

Credere nella necessità di un rapporto empatico può creare una paradossale condizione di ineffecacia: una delle tentate soluzioni più comuni è proprio questa. Si finisce per vivere le stesse sensazioni/emozioni che vive l'altro, smarrendo la via per fornirgli un supporto che gli permetta di superare le sue difficoltà.

Mi fa piacere proporti la lettura dell'articolo che ho scritto per il blog dell'Associazione di categoria A.Co.I. (Associazione Coaching Italia), alla quale sono iscritto come Coach Professionista nell'ambito scolastico e life. Clicca qui per leggere l'articolo...

leggi di più 1 Commenti