Qualche riflessione dopo il convegno di Andria su "La Scuola che cambia"

Ad un giorno dall'interessante convegno La Scuola che cambia, frequentato (come relatore e come discente) ad Andria il 22 e 23 settembre, ho voglia di condividere qualche riflessione.

Ringrazio ancora l'entusiasta Dirigente Scolastica Celestina Martinelli che, per il tredicesimo anno consecutivo, ha organizzato e promosso il SETTEMBRE PEDAGOGICO andriese.

 

P.S.: il video si è interrotto proprio sull'ultima mia riflessione... sarà un segno?! ;)


Prossimo corso "Stratagemmi Didattici" (6 ore) - SCOPRI LE DATE

Scopri gli ERRORI più comuni nella conduzione della Classe ed impara nuove strategie pratiche per "gestire" i tuoi Studenti
Scopri gli ERRORI più comuni nella conduzione della Classe ed impara nuove strategie pratiche per "gestire" i tuoi Studenti

Scrivi commento

Commenti: 5
  • #1

    maria (domenica, 25 settembre 2016 08:31)

    interessanti gli spunti ....soprattutto veri ....hai toccato il punto nodale della questione ....ovvero rimettere in discussione gli atteggiamenti verso le persone protagoniste nella professione del docente ....molti di arroccano sula solita posizione ....siamo docenti e non c'è più rispetto per il nostro ruolo ....

  • #2

    Claudia Paternoster (domenica, 25 settembre 2016 21:51)

    "...intendo dire che io molto spesso..." Cosa? Voglio sapere il seguito!

  • #3

    Chiara Torchia (lunedì, 26 settembre 2016 10:02)

    Vorrei saperne di più sul metodo Sagra. Grazie infinite

  • #4

    Alberto De Panfilis (lunedì, 26 settembre 2016 10:19)

    Maria, Claudia, Chiara,

    vi ringrazio per i vostri commenti!
    Ne terrò conto per i prossimi post... ;)

    Un caro saluto,
    Alberto

  • #5

    Annalisa (domenica, 22 luglio 2018 09:26)

    Molto interessanti le tue riflessioni perchè significative in quanto discente. È vero che il punto di vista dato dal ruolo spesso ti ottenebra sulla libertà di ragionamento e ti rallenta sulla autocritica positiva. Ho rivisto aspetti di situazioni avvenute legati alle tue parole e molto chiari. Grazie