"Calmati!" - Ecco uno dei peggiori modi per tranquillizzare qualcuno

Quando dobbiamo ci troviamo a fornire il nostro supporto a qualcuno che si trova in difficoltà, ci sono tanti errori da evitare. Uno fra questi è l'esortare alla calma.

 

Quando chiediamo a qualcuno di calmarsi (scegliendo una fra le tante declinazioni "Si calmi/Calmati", "Stia tranquillo/Stai tranquillo", ecc.) stiamo formulando, senza accorgercene, un comunicazione paradossale. Il motivo è presto detto: messaggio meta-messaggio non sono coerenti fra loro.

Il contenuto logico (messaggio) della mia esortazione dovrebbe indurre alla calma, le sensazioni da essa evocate invece (meta-messaggio) producono gli effetti contrari.

 

I motivi sono molteplici:

  • usare un imperativo solitamente fa aumentare la pressione emotiva;
  • se intervengo vuol dire che non ti percepisco in grado di gestirti autonomamente;
  • se ti chiedo di calmarti, vuol dire che ti vedo agitato;
  • fare una richiesta a chi si trova in difficoltà penalizza l'ascolto e l'empatia;
  • quando qualcuno ti invita a stare calma/o, come ti fa sentire?.

Cosa possiamo fare allora? Clicca qui e leggi le 3 proposte...

Quando vogliamo aiutare qualcuno a tranquillizzarsi, possiamo sperimentare le seguenti strategie:

  • usiamo il nome della persona: per ciascuno di noi, il nome è una parola naturalmente calmante; siamo abituati a sentirla pronunciare fin da quando eravamo bambini e questo contribuisce a renderla capace di catalizzare la nostra attenzione in un instante.
  • Invitiamo la persona a parlare di quello che la preoccupa: anziché provare a "tappare" l'agitazione della persona invitandola a calmarsi, chiedendole di "tirare fuori" le proprie preoccupazioni riusciremo a far defluire la pressione (vedi stratagemma del vincere il pieno con il vuoto).
  • Respiriamo insieme alla persona (lentamente), in modo che possa sincronizzarsi con il ritmo del nostro respiro: l'esempio, lo sappiamo, guida più di mille parole... in questa fase non ci sarà quindi bisogno di dare indicazioni verbali.

 

Se vuoi approfondire gli effetti catastrofici dell'espressione "Si calmi", clicca qui e leggi l'analisi che il mio collega Piercarlo Romeo ha effettuato sugli errori di comunicazione commessi nella gestione della tragedia dell'Hotel Rigopiano (gennaio, 2017).

 

Che ne pensi? Facci sapere la tua...

Problem Solving (16 ore)

Iscriviti qui: puoi usare la tua Carta del Docente
Iscriviti qui: puoi usare la tua Carta del Docente

Scrivi commento

Commenti: 0