In questo video abbiamo descritto le 3 fasi del Come peggiorare, tecnica controintuitiva che fa parte del modello di Problem Solving Strategico ® sviluppato dal prof. Nardone.

Ecco 4 importanti meccanismi psicologici alla base dell’efficacia di questa tecnica.

  1. Peggiorare è più facile che migliorare: orientare il proprio pensiero a quello che farebbe peggiorare una situazione consente di ottenere molte più idee (solitamente invece facciamo il contrario, ci spremiamo cioè le meningi per farci venire buone idee).

  1. Principio di impegno e coerenza: come ci insegna Cialdini, se ciascuno ha messo “impegno” nello scrivere la lista, allora sarà più facile che resti “coerente” con quanto dichiarato. Questo principio farà diminuire le probabilità che i comportamenti elencati vengano agiti (se io stesso ho dichiarato che “non studiare” peggiorerebbe il mio anno, avrò più remore nel farlo… o quanto meno sarà più facile accorgermene.
  2. Far salire il nemico in soffitta per poi togliere la scala: nella prima fase del Come peggiorare è importante non “destare sospetti” in chi compila la lista. Non sveleremo cioè la fase successiva, quella della spunta. Stimoleremo la creazione della lista in modo divertente e leggero (far salire il nemico in soffitta); soltanto dopo toglieremo la scala, chiedendo a ciascuno di indicare quali potrebbero essere le proprie “zone di rischio”.
  3. Ci si persuade prima e meglio delle proprie ragioni: questo è forse l’elemento più importante alla base della tecnica del Come peggiorare. Quest’ultima rappresenta infatti una tecnica altamente persuasoria proprio perché non siamo noi a creare la lista al posto dei ragazzi (spiegandogli le regole o cercando di convincerli a comportarsi correttamente): loro stessi si persuaderanno delle proprie ragioni. Nulla di più efficace!

Condividi l'articolo sui social

Ti potrebbe interessare…

Lascia un commento