Vero, falso, terzo escluso: una vera e propria trappola!

Meglio che stia in silenzio, perché se parlassi potrei fare danni!

Meglio che non dia troppa confidenza ai miei Studenti, altrimenti potrei perdere autorevolezza e rischiare che se ne approfittino!

 

Entrambe queste riflessioni potrebbero essere figlie di una logica vero, falso, terzo esclusotertium non datur, come dicevano i latini. Quando il nostro atteggiamento nei confronti di una questione si polarizza in questo modo, rischiamo di andare incontro ad infelici Tentate Soluzioni.

Una trappola a cui stare attenti: ci stavo cadendo anch'io poco fa!


Scopri la nuova Scuola Coaching

Puoi usare la tua Carta del Docente
Puoi usare la tua Carta del Docente

Scrivi commento

Commenti: 3
  • #1

    Emanuela (domenica, 05 agosto 2018 13:27)

    Bel video...anche in maglietta!!AHAH...grazie per i tuoi preziosi consigli prof...

  • #2

    Patrizia (lunedì, 06 agosto 2018 13:05)

    Molto interessante, grazie mille! Sono situazioni molto comuni e frequenti, almeno per quanto mi riguarda...Di solito, nell'imbarazzo della scelta seguo l'istinto e lo stato emotivo del momento, cadendo però in una trappola ancora più pericolosa, dell'impulsività, non obiettività, oppure della totale sottomissione...
    Mi piacerebbe dunque capire meglio come arrivare alle soluzioni di mezzo...�

  • #3

    Francesca Oreste (giovedì, 09 agosto 2018 14:38)

    Grazie! Condivido quanto detto sul "o così o cosà". Mi hai fatto venire in mente il metodo di discernimento messo a punto da S. Ignazio di Loyola intorno al 1500, che personalmente cerco di seguire nella vita, dice proprio che quando vediamo solo due alternative opposte siamo in trappola; a questo punto è meglio fermarsi e sospendere la decisione per approfondire... Non sempre è da cercare la via di mezzo intesa come compromesso ma proprio altre piste nuove si aprono.
    Chiaramente nell'emergenza in classe non sempre, sembra, si possa sospendere il "giudizio". In realtà ho sperimentato che si può farlo più di quanto si creda. E gli alunni, come i figli, imparano ad apprezzare questo e imparano a riflettere maggiormente sulle cose, a scegliere, l'onestà intellettuale. Si rende la situazione in classe stimolante, creativa; dà potere e responsabilità intellettuale agli studenti.